Cos'è l'Ayurveda -

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cos'è l'Ayurveda

Ayurveda


PREMESSA



L’Ayurveda, “la scienza del vivere sano”, si è presa cura della salute del popolo indiano e di quelli vicini da tempo immemorabile. In India ed in alcuni paesi vicini è stata riconosciuta ufficialmente ed è largamente usata nei programmi di sviluppo sanitario; ha un approccio universale è può essere usata in modo vantaggioso nella cura sanitaria di tutti i tipi di persone, a prescindere dalle differenze geografiche, politiche, culturali e religiose. Nel presente documento vengono descritti in breve la sua attuale situazione in India, i suoi aspetti significativi, i concetti fondamentali e gli sviluppi possibili in futuro. La sua utilità nell’ alleviare le malattie dell’umanità sofferente in generale è di considerevole importanza, come supplemento e complemento alla medicina moderna.
Parole chiave: Ayurveda, panchamabhuta, dosha, dhatu, mala, prakrti, srotas, barman, manas, prana.
La scienza e l’arte dell’Ayurveda sono parte integrante dell’inestimabile eredità culturale che è premurosamente preservata e incoraggiate in India e nei paesi vicini, allo scopo di conservare e promuovere un concetto positivo di salute e per la prevenzione e la cura delle malattie.
Come scienza si basa su profondi e razionali principi di fisiologia, patologia, farmacologia, diagnostica e terapia che sono stati analizzati, resi sistematici e generalizzati mediante rigidi principi logici. Anche al giorno d’oggi, nonostante le sue vicissitudini temporali, l’Ayurveda come arte di guarigione seguita non solo dalla popolazione rurale più povera, ma anche da persone illuminate ed erudite di ogni ceto sociale, compresi intellettuali benestanti che altrimenti potrebbero permettersi di usufruire dei migliori medici della medicina occidentale moderna.
Il termine Ayurveda, che alla lettera significa “Scienza della vita”, è spesso usato in un senso ristretto come un “sistema di medicina”; questo diluisce e distorce considerevolmente il suo vero scopo ed obiettivo. La salute secondo l’Ayurveda non è solo la libertà della malattia; secondo Sushruta è uno stato dell’individuo: oltre all’armonia tra le unità funzionali (doshas), il meccanismo digestivo e metabolico (agnis) gli elementi strutturali (dhatus) e i prodotti di rifiuto(malas), una persona dovrebbe anche essere in eccellente stato (prosanna) per quanto riguarda l’anima o lo spirito (atman), i sensi (indriyas) e la mente (manas).


Situazione attuale



L’India ha enormi problemi di gestione della sanità a causa della sovrappopolazione; ha circa 900 milioni di abitanti di cui gran parte (più del 70%) vivono in zone rurali. Nonostante un massiccio sforzo per creare una rete di istituzioni sanitarie a livello di Stato, di Provincia e di villaggio, l’incidenza viene stimata intorno alla 30%, in termino di copertura dell’intera popolazione da parte del sistema statale che eroga assistenza. La popolazione rimanente dipende dalla locale tradizione di medicina ayurvedica, che ha profonde radici culturali perché  di facile accesso, disponibile ed affidabile. Oltre che dai medici abilitati, la tradizione ayurvedica è portata avanti da milioni di casalinghe, da migliaia di donne che attendono di mettere al mondo in bambino in modo tradizionale, da ortopedici, da specialisti di  netra cikitsa (trattamento specifico dei disturbi degli occhi), danta cikitsa (cura dei denti), visa vidya (trattamento degli avvelenamenti), manasa-roga cikitsa (trattamento delle malattie mentali) ed erboristi a livello tradizionale di villaggio. Tutte queste persone costituiscono un vero esercito di professionisti si Ayurveda tradizionale e i loro sforzi hanno reso autosufficiente la comunità di villaggio a livello sanitari. Dopo l’Indipendenza nel 1970, il governo indiano ha mutato la politica pre-indipendenza ed ha riconosciuto l’Ayurveda, insieme ad altri sistemi di medicina, per “lo sviluppo dei servizi sanitari del paese”.


Educazione


Al momento attuale c’è una sola università, a Jamnagar , in Gujarat, esclusivamente per i laureandi ed i laureati, che opera per il loro addestramento e per la ricerca dei vari aspetti dell’Ayurveda. All’Università indiana di Benares (Varanasi) c’è un Istituto per l’Addestramento Post-Laurea in Ayurveda, che rilascia lauree di Dottorato in Medicina (M.D. e Ph.D.) in questo sistema.
L’Istituto Nazionale di Ayurveda di Jaipur, in Rajasthan, fornisce attrezzature ai laureandi e dà ai laureati per la ricerca e l’addestramento in questo sistema. Più di recente il governo ha costituito un’ Accademia di Ayurveda per promuovere la ricerca nei vari aspetti della cultura ayurvedica. Inoltre, esistono più di 105 istituti universitari per l’addestramento dei laureandi, 40 dei quali hanno efficienti dipartimenti per addestrare i laureandi nelle diverse specialità ayurvediche. Tutte queste istituzioni sono affiliate alle università delle varie regioni.



Controllo dell’educazione e della professione


Per atto del Parlamento si è costituito un Consiglio Centrale legale di Ayurveda, che prescrive il curriculum e il piano di studi per le istituzioni educative e controlla l’attività dei professionisti iscritti all’albo di questo sistema. Oggi in India ci sono più di 250.000 iscritti all’albo ayurvedico.


Ricerca


Il Governo indiano ha costituito un Consiglio Centrale di Ricerca in Ayurveda per iniziare, guidare, sviluppare e coordinare la ricerca all’interno dei suoi vari aspetti secondo metodi scientifici, tenendo conto dei principi fondamentali di questo sistema. Questo Consiglio ha una rete di circa 100 tra istituti ed unità, per condurre vari programmi nei  campi della ricerca applicata, dei farmaci, della loro standardizzazione, dello studio delle piante medicinali, della ricerca letteraria, della stima dell’assistenza sanitaria e della sperimentazione dei contraccettivi orali indigeni.


Comitato di Farmacopea Ayurvedica


Il Ministero della Sanità del Governo indiano ha costituito un Comitato di Farmacopea Ayurvedica per la formulazione di ricette ayurvediche standard.



Laboratorio di controllo dei farmaci


Il Governo indiano ha insediato a Ghaziabad un Laboratorio di Controllo dei Farmaci per esaminare i preparati ayurvedici ed assicurare il controllo della qualità.



Ospedali e dispensari


In varie parti del paese ci sono circa 400 ospedali ayurvedici e 14.000 dispensari. Ad esclusione di pochi essi, la maggior parte di questi ospedali e dispensari sono amministrati e finanziati dal Governo indiano e dai Governi statali. Tra questi, un ospedale e parecchi dispensari sono stati fondati per l’assistenza sanitaria ai sui stessi impiegati, secondo il Piano Sanitario del Governo Centrale. Dove tali dispensari non sono presenti, la spesa per la cura ayurvedica degli impiegati viene rimborsata. Secondo il programma di Assistenza Sanitaria Primaria, i medici ayurvedici vengono impiegati per impegnarsi nell’assistenza sanitaria preventiva e curativa.




Produzione di medicine ayurvediche



In privato alcuni medici ayurvedici producono da soli le loro medicine. Altri, specialmente negli ospedali e nei dispensari, usano medicine fabbricate da grandi e piccoli produttori, i quali superano in tutto il 11.000 unità. La produzione di medicine ayurvediche è tutelata dalla Legge sui Farmaci ed i Cosmetici, per assicurare condizioni igieniche e qualità dei prodotti. Il Governo indiano ha fondato una Corporazione Farmaceutica di Medicina Indiana per la produzione ed il rifornimento di autentiche medicine ayurvediche standard. Inoltre, molti governi statali hanno i loro ospedali e dispensari ayurvedici.


Amministrazione


Nel Ministero della Sanità, il Governo indiano ha un Commissario Speciale, un Consigliere, dei Consiglieri Deputati ed altro personale complementare, per sorvegliare l’adempimento dei vari programmi ayurvedici. I Governi statali hanno i loro Direttori di Ayurveda per l’adempimento dei progetti ayurvedici a livello di Stato. I Controllori di Farmaci dell’India e quelli dei vari Stati esercitano il controllo sulla produzione di medicine ayurvediche nelle loro rispettive zone. Il Piano delle spese di finanziamento, redatto dalla Commissione per la Programmazione dello sviluppo dell’Ayurveda, cresce ad ogni successivo Piano.



Torna ai contenuti | Torna al menu